Musica d’autunno 2019 alla Chiesa di Almese

Musica d’autunno 2019 alla Chiesa di Almese

Giunta alla sua XXVIII edizione, “Musica d’Autunno” torna con due importanti concerti, che si terranno ad ottobre nella Chiesa parrocchiale di Almese (via Avigliana 32) alle ore 21. La rassegna “Musica d’Autunno” è organizzata dal coro polifonico Mater Ecclesiae grazie al supporto del Comune di Almese, della Fondazione Magnetto e della Finder, e con il patrocinio di Organalia e dell’Associazione Cori Piemontesi.

Si parte domenica 13 ottobre, con la serata “Giovani talenti”, dedicata alla musica per organo e tromba, durante la quale verranno eseguiti i brani di Telemann, Bach, Vivaldi, Franck e Vierne. Ad esibirsi, i giovanissimi interpreti, Francesca Ajossa, organista cagliaritana, diplomata presso il Conservatorio della sua città, attualmente impegnata in un Master in organo all’Università “Codarts” di Rotterdam, dove è risultata vincitrice della “Grada van Beek-Donner Scholarship 2018-2019”, e Mattia Gallo, trombettista almesino, diplomatosi quest’anno al Conservatorio di Torino, prima tromba presso l’Orchestra PianoLink Philharmonic di Milano, e collaboratore stabile di importanti orchestre come la Filarmonica del Piemonte, l’Orchestra Filarmonica di Torino, l’Orchestra Bartolomeo Bruni di Cuneo, l’Orchestre Symphonique des Alpes e l’Orchestra del Teatro Regio di Torino.

Sabato 19 ottobre, invece, avrà luogo il secondo concerto della rassegna, dal titolo “Magnificat”, dedicato ai 40 anni di attività del coro polifonico Mater Ecclesiae di Almese. Per l’occasione, si uniranno al concerto – diretto dal maestro Silvano Bertolo – l’organista Paolo Giacone e il gruppo d’archi “Poesis”, formato da Enrichetta Martellono e Maria Cristina Rallo (violini), Magdalena Vasilescu (viola) e Massimo Barrera (violoncello). Parteciperanno inoltre, come solisti di canto, i soprani Rita La Vecchia e Lyudmyla Porvatova, il contralto Roberta Garelli, il tenore Franco Giorda, i bassi Marzio Ferrero e Simone Giorda e il baritono Ignazio de Simone. La serata vedrà l’esecuzione dei “Magnificat” di Tomaso Albinoni e di Franz Schubert, e di alcuni brani caratteristici del repertorio del coro almesino.

LOCANDINA

Il Coro Polifonico “Mater Ecclesiae” di Almese è nato nell’ottobre del 1979, è diretto da Silvano Bertolo coadiuvato da Giuliana Bertolo.

Propone brani di polifonia classica e musica del XVIII e XIX secolo. Particolarmente ricco il repertorio legato ai tempi forti della liturgia, comprendente un’ampia scelta di brani per l’Avvento e per il Natale, nonché per la Settimana Santa e per il Tempo Pasquale. Non è mancata l’attenzione agli autori del Novecento, anche nell’ambito della musica cosiddetta “leggera”, nel quale il coro ha compiuto brevi e piacevoli incursioni, dedicandosi, ad esempio, all’esecuzione di adattamenti delle più celebri canzoni dei Beatles.

Negli ultimi anni le scelte del coro si sono orientate sempre di più verso lo studio di grandi opere, come il Requiem di Mozart, il Requiem di Faurè, il Magnificat e il Gloria di Vivaldi, la Sinfonia Lobgesang di Mendelssohn.

Il coro ha cantato all’Auditorium Rai di Torino, al Teatro Carignano, al Piccolo Regio, al Conservatorio “Giuseppe Verdi” e in numerose chiese piemontesi. Tra le mete più lontane: la cattedrale di Notre-Dame a Parigi, Monaco di Baviera, Jougne, Salisburgo, Annecy. Ha partecipato, con il coro della Cappella Sistina, alle celebrazioni di papa Benedetto XVI per il Capodanno 2013 nella basilica di San Pietro.