Rubrica La Valsusa

Rubrica Viaggio nel mondo del lavoro sul settimanale La Valsusa

 

La Fondazione sostiene La Valsusa per la realizzazione di una rubrica che racconta storie ed esperienze positive e propositive con ricadute favorevoli sui lettori.

L’intento è quello di far conoscere casi di piccoli e grandi imprenditori che abbiano iniziato nuove esperienze di lavoro o abbiano effettuato nuovi investimenti scommettendo sulla qualità dei loro prodotti e sulla ripresa dell’economia.

La cadenza della rubrica è di una ventina di articoli all’anno.

 

Articoli pubblicati:

Il turismo diventa “slow” e gli alberghi “bike friendly”
Restyling urbano? Cominciamo dalle pensiline
Cuore Matto a Collegno
Alzheimer Caffè
La Villa Romana di Caselette
Esperienze positive in campagna
Binaria, centro commensale del Gruppo Abele
Restart Alp
In Piemonte sono 81 i paesi senza un negozio
Eduscopio Lavoro
Giovani che hanno scelto il mestiere dei nonni
Un anno fantastico nel Bosco delle Meraviglie
Il museo laboratorio della Preistoria di Vaie
Green cities
Il cielo in una stalla
L’oratorio salesiano di San Salvario
Internet via radio: una risorsa per la Valle è BandaBlu
Formazione e progetto GioB200
Gli ecovolontari di Rivoli: un esempio da seguire
Sant’Ambrogio: c’è davvero ” Il bosco delle meraviglie”
Start-up, imprese semplici per una gioventù di talento
Scuola materna di Chiusa: settanta passi insieme
Fiere espositive, occasioni per artigiani d’eccellenza
La ricerca: motore per l’occupazione e le eccellenze
Cardiopad: il dispositivo ad alta tecnologia per il cuore
Verde speranza come il lago del Gad e il suo futuro
Il Piano, cos’è ?
Forte Bramafam, quando la storia diventa opportunità
Microcredito, il prestito per i piccoli operosi
Risparmio energetico, qualche consiglio per l’uso
Certosa 1515 il luogo ideale per la sosta e il pensiero
Affitti brevi: come far fruttare le seconde case creando turismo
La guarigione parte della ricerca scientifica
Tutta nuova l’ antica locanda Cascina Roland
Rondò dei bimbi: girotondo con le famiglie
Fluentity: caro amico ti scrivo, anzi no, ti parlo