Prevenzione Ictus

Prevenzione Ictus

Prevenzione Ictus

La Fondazione, in collaborazione con l’ASL TO 3, l’Associazione Alice Piemonte di Torino e le Amministrazioni comunali, promuove dal 2004 le giornate di Prevenzione dell’Ictus, malattia che rappresenta la terza causa di morte dopo le patologie cardiovascolari e i tumori, la principale causa di invalidità e la seconda di demenza.

I cittadini dai 55 ai 75 anni residenti nei paesi in cui si organizza la giornata vengono sottoposti a una raccolta di informazioni sulle loro abitudini e stili di vita, e ad alcuni controlli clinici come pressione arteriosa, glicemia e colesterolemia capillare. Al termine delle rilevazioni, i soggetti con valori fuori norma effettuano un consulto con i medici e con gli infermieri presenti alle giornate per una prima verifica dei dati.

I valori rilevati sono successivamente comunicati ai medici di medicina generale che provvederanno al trattamento degli eventuali fattori di rischio riscontrati. I pazienti con diagnosi sospetta o con elevata percentuale di rischio verranno sottoposti  a controlli ed esami specifici di secondo grado presso l’Ospedale di Rivoli attraverso il contatto del  Cap di Avigliana.

Giornate di prevenzione dell’ictus 2015

Nel corso del 2015 sono state esaminate oltre 1700 persone, di cui il 5% è stato sottoposto ad ulteriori indagini cliniche presso la Struttura Complessa di Neurologia dell’ospedale di Rivoli. Inoltre a partire dal 2015, nel corso delle giornate, è stata introdotta la presentazione delle linee guida relative ad una corretta alimentazione e all’importanza dell’attività fisica.

I  Comuni coinvolti sono stati quelli di Almese, Rubiana, Villar Dora e Caselette in Bassa Valle di Susa, Oulx e Bardonecchia in Alta Valle di Susa,  e Bussoleno, Sant’Antonino, Susa, Condove, Sant’Ambrogio, in Media Valle di Susa.

Documenti collegati