Musica d’autunno 2017

Musica d’autunno 2017

La ventiseiesima edizione di “Musica d’Autunno” si aprirà sabato 7 ottobre, alle ore 21 nella chiesa parrocchiale di Almese, con un concerto del Coro polifonico “Mater Ecclesiae” diretto da Silvano Bertolo e accompagnato dall’organista Paolo Giacone. Nella serata, che ha come titolo “Vivaldi, Bach e dintorni”, verranno proposti il Magnificat di Antonio Vivaldi, ossia una delle opere più celebri di musica corale del compositore veneziano, il brano Hör’ mein Bitten, Herr per soprano, coro e organo di Felix Mendelssohn-Bartholdy e altre pagine di Bach, Bruckner, Haendel e Vaughan Williams. Si uniranno al coro, in veste di solisti, i soprani Miyuki Hayakawa e Rita La Vecchia, i contralti Angelica Buzzolan e Roberta Garelli, e il basso Ignazio de Simone.

Domenica 15 ottobre, sempre alle ore 21, la chiesa parrocchiale ospiterà invece un concerto dedicato alla musica per organo e tromba, e in particolare a brani di Bach, Haendel, Mouret, Schumann e Widor. Giovani e molto promettenti i due interpreti, Gabriele Agrimonti e Mattia Gallo. Il primo, nato a Parma nel 1995, dopo aver conseguito il diploma in Organo e composizione organistica presso il Conservatorio della sua città, sta proseguendo gli studi al Conservatorio di Parigi; il secondo, almesino del 1996, frequenta la classe di Tromba del Conservatorio di Torino e da tempo collabora stabilmente con importanti formazioni, come l’orchestra “PianoLink Philharmonic” di Milano, l’Orchestra Filarmonica del Piemonte, l’Orchestra Filarmonica di Torino, l’Orchestra “Bartolomeo Bruni” di Cuneo e l’Orchestra Sinfonica giovanile del Piemonte.

“Musica d’Autunno” è organizzata dal Coro “Mater Ecclesiae” con il supporto del Comune di Almese, della Fondazione Magnetto e della Finder e con il patrocinio di Organalia e dell’Associazione Cori Piemontesi.

Programma completo

Il Coro Polifonico “Mater Ecclesiae” di Almese è nato nell’ottobre del 1979, è diretto da Silvano Bertolo coadiuvato da Giuliana Bertolo.

Propone brani di polifonia classica e musica del XVIII e XIX secolo. Particolarmente ricco il repertorio legato ai tempi forti della liturgia, comprendente un’ampia scelta di brani per l’Avvento e per il Natale, nonché per la Settimana Santa e per il Tempo Pasquale. Non è mancata l’attenzione agli autori del Novecento, anche nell’ambito della musica cosiddetta “leggera”, nel quale il coro ha compiuto brevi e piacevoli incursioni, dedicandosi, ad esempio, all’esecuzione di adattamenti delle più celebri canzoni dei Beatles.

Negli ultimi anni le scelte del coro si sono orientate sempre di più verso lo studio di grandi opere, come il Requiem di Mozart, il Requiem di Faurè, il Magnificat e il Gloria di Vivaldi, la Sinfonia Lobgesang di Mendelssohn.

Il coro ha cantato all’Auditorium Rai di Torino, al Teatro Carignano, al Piccolo Regio, al Conservatorio “Giuseppe Verdi” e in numerose chiese piemontesi. Tra le mete più lontane: la cattedrale di Notre-Dame a Parigi, Monaco di Baviera, Jougne, Salisburgo, Annecy. Ha partecipato, con il coro della Cappella Sistina, alle celebrazioni di papa Benedetto XVI per il Capodanno 2013 nella basilica di San Pietro.